marzo 24, 2008

Nuova semina

Oggi grande giorno di semina.
Basilico utilizzando i semini delle mie piantine dell'anno scorso, prezzemolo utilizzando i semi presi da una pianta cresciuta a Pantelleria, pomodori di Pantelleria, pomodori fiorentini costoluti, pomodori tondi lisci e peperoncino con i semi delle mie piante dell'anno scorso.

I vasi e i semenzai erano già pronti da una settimana e nonostante il gatto che con gusto si rotolava nella terra e il freddo invernale ho seminato in abbondanza.

Appena le piantine inizieranno a farsi vedere opererò il diradamento, contando di recuperare il tempo perso per questa semina tardiva avendo seminato direttamente in vaso e quindi non dovendo effettuare il trapianto.

E' incredibile ma nel pomeriggio tardi ha iniziato a piovere e a tratti a nevicare! Ho dovuto proteggere sia i semenzai che gli agrumi con i teli di tessuto non tessuto.

Se troverò il tempo vorrei provare a piantare i pomodori dei semenzai in piena terra, se riesco a trovare un orto, visto che i vasi per l'orto in balcone sono già completi.
Aspettiamo fiduciosi la vera primavera.



13 commenti:

Darko Romanov ha detto...

ciao,

dopo quanto tempo fai il diradamento? io ho fatto malissimo una semina di cime di rapa (sono alle prime armi) e adesso ho le piantine alte circa 2 centimetri e sono tutte troppo vicine le une alle altre (e per vicine intendo proprio ammassate :-( ). pensavo di aspettare ancora un po' perchè magari adesso potrebbe essere un po' traumatico... tu che dici?

d

Marco ha detto...

Se sono alte 2 cm fai adesso il diradamento. Se le lasci crescere ancora e sono così vicine non riuscirai più a farlo perchè le radici si legheranno.

Fallo subito! :-)

Darko Romanov ha detto...

:-O grazie del suggerimento, meno male che te l'ho chiesto subito!

mirror ha detto...

Io ho piantato un paio di settimane fa rucola e prezzemolo in vasi da 30 cm di diametro. Non so se è il caso di procedere al diradamento oppure lasciar crescere tutto così. In verità le piantine mi sembrano a occhio un po' troppo fragili per l'eventuale trapianto.
Aspetto consigli..

Marco ha detto...

Per Mirror,
Il diradamento deve servirti per migliorare la crescita delle piante che rimangono nel vaso e quindi quelle che togli vanno buttate.
Se invece vuoi trapiantarle devi sicuramente aspettare che siano più robuste e quindi almeno 4/5 centimetri.
Attento però, se sono molto fitte, quando tenterai di toglierle rischierai di strappare anche quelle che rimangono.

Anonimo ha detto...

Ciao, ho visto il tuo blog per caso e penso che lo seguirò da ora molto spesso!!!
Per caso sai darmi consigli sulla coltivazione del finocchio? i semi li ho già piantati e le piantine iniziano a spuntare con grande velocità ma non sò poi come si svilupperà...

a presto
Aly

Marco ha detto...

Per Aly e la coltivazione dei finocchio.
Dammi qualche info in più, dove sono piantati? ache distanza? hai un orto a disposizione e li trapianterai?

mirror ha detto...

Ho comprato semi di insalata da taglio di vario tipo (lattuga rossa riccia da taglio, cicoria triestina, ecc..).
Mi piacerebbe poterle piantare sul mio balcone, ma non so fino a che punto sia conveniente e produttivo coltivare insalate in vaso. Per ora ho messo a dimora i semi in piccoli vasetti di torba biodegradabile (circa 5 cm di diametro, 4-5 semini ciascuno). Faccio bene? Come mi conviene procedere?
Grazie dei consigli che dispensi sempre con generosità.

Marco ha detto...

Per mirror e l'insalata.
Scrivimi anche direttamente per email.
Quello che hai fatto per ora con i vasetti di torba è perfetto, salvo che dovrai lasciare poi solo una piantina per ogni vasetto.

Se guardi la convenienza, allora non pianteresti niente sul balcone, eccetto le aromatiche.
Quindi guardando solo la soddisfazione di poter mangiare un paio di volte la tua insalata allora non ci sono limiti a quello che puoi piantare.

In generale la buona regola è non tenerle troppo fitte. Io l'ho piantata e qualche frutto l'ha dato: Vedi il post

mirror ha detto...

Il bollettino della mia prima semina dell'anno (venti giorni fa) riporta di tanti malconci fili di rucola in sofferenza (forse terriccio poco adatto, schock idrico al mio rientro dopo una decina di giorni di assenza o troppa poca luce al momento del germoglio), prezzemolo rigoglioso e un seme di zucca germogliato su sei piantati.

Cicabuma ha detto...

Ciao Marco,
io vivo in città ma ho sempre desiderato avere un orticello. Una mia amica che vive in campagna mi ha prestato un pezzettino di terra. Dopo una prima fase di preparazione oggi ho seminato... ravanelli, rucola, vari tipi di insalata da taglio, basilico e ho trapiantato dei pomodori da insalata con il loro tutore... Più avanti, appena le piantine saranno pronte nel semenzaio, metterò anche le tegoline (o fagiolini che dir si voglia!!!)... Poi ho coperto tutto con un tunnel di tessuto non tessuto sorretto da archi di ferro (qui la notte fa ancora molto freddo)!!! Spero di aver fatto bene. Non ho alcuna esperienza. Ricordo solo quello che ho visto fare da un signore che veniva a casa dei miei genitori quando avevamo l'orto. Ero una bambina, lo aiutavo, facevo qualcosa... ero già appassionata!!!
Adesso vorrei mettere delle fragole, ma mi hanno detto che bisogna fare una montagnetta, una "troia"... l'hanno chiamata così!!! Tu che cosa mi suggerisci?
Un abbraccio
Francesca

Carmine Volpe ha detto...

complimenti per il blog, mi piace molto

tiziana ha detto...

ciao Marco, sono una giovane mamma che vorrebbe coltivare un orto sul balcone insieme ai suoi 3 bambini per insegnare loro a prendersi cura di qualcosa, a lavorare, ad aspettare, a raccogliere i frutti del loro lavoro e...a mangiare sano...ti sembra abbastanza?! Io e i bambini partiamo da zero come prepariamo i vasi? Che terra compriamo? Cosa è più semplice coltivare all'inizio? Ai Bambini piacciono tanto pomodori, fragole e zucchine, a me piacerebbe coltivare anche insalata a qualche frutto... temo però di intaprendere un'impresa esagerata...aspetto buoni consigli,apresto! tiziana